Area News

05/02/2016

Fondazione

2016, anno della Scimmia

In Cina sono in corso i preparativi per l’inizio del nuovo anno, che quest’anno si aprirà l’8 febbraio sotto il segno della Scimmia (Houzi) e si chiuderà il 28 gennaio 2017. Il Capodanno cinese, noto anche come Festa di primavera (perché introduce all’arrivo della stagione) o Nuovo anno lunare, è una festa tradizionale in Cina, celebrata il primo giorno del primo mese del calendario cinese: in genere cade tra il secondo e il terzo novilunio subito dopo il solstizio d’inverno (in genere tra il 21 gennaio e il 20 febbraio).

I festeggiamenti durano in media due settimane e sono principalmente familiari: i parenti si ritrovano nelle case per partecipare a ricchi banchetti, dove a far da padrone sono piatti propiziatori a base di pollo e pesce ma anche ravioli dalla tradizionale forma che richiama quella degli antichi lingotti d’oro. In queste occasioni ci si scambia doni contenuti nelle tradizionali buste rosse, le cosiddette hongbao. Celebrazioni – a base di fuochi artificiali e danze – si tengono in tutta la Cina ma anche nelle Chinatown sparse per il mondo. A chiudere i festeggiamenti è la festa delle lanterne, festeggiata con una parata di bambini che sfilano portando luci colorate.  

“Houzi”, il segno della Scimmia Questo segno dello zodiaco cinese si caratterizza per la creatività e l’ingegno, doti assegnate a chi nasce nell’anno di questo animale, a cui si affiancano una naturale intelligenza nel capire le situazioni, una istintiva consapevolezza di ciò che accade intorno, una grande affidabilità e onestà nei rapporti personali. La Scimmia è, però, anche molto ambiziosa, vuole stare al centro dell’attenzione e ottenere tutto in tempi brevi.

Il 2016 offrirà diverse occasioni, che andranno affrontate avendo come obiettivo quello di raggiungere pace e armonia. Il consiglio è di soppesare ogni scelta con attenzione e dare il giusto peso ai dettagli: la Scimmia ha molta energia yang, che si traduce in impetuosità ed aggressività, dunque è necessario cercare di smorzare queste caratteristiche facendo appello alla parte yin, più morbida e umile.

Le origini dello zodiaco cinese Molte sono le leggende che tramandano da millenni la probabile origine dello zodiaco cinese. Secondo una della più accreditate, il Buddha, nel presentimento della sua fine sulla Terra, chiamò a raccolta tutti gli animali, ma solo 12 andarono ad offrire il loro saluto. Come premio per la loro fedeltà il Buddha decise di chiamare ogni anno del ciclo lunare con il nome di ciascuno degli animali accorsi. Un’altra racconta che fu l'Imperatore di Giada, già sovrano del Cielo e della terra da parecchi anni, a scegliere gli animali durante una sua visita sulla Terra. Rimase stupito nell'ammirare le curiose creature terrestri e decise di portarne dodici da mostrare agli esseri divini. Fu sempre lui ad attribuire ad ognuno di essi un anno del calendario.

In Fondazione

I Soci

Iscriviti alla Newsletter della
FONDAZIONE ITALIA CINA

Fondazione Italia Cina

Via Clerici, 5 - 20121 Milano - Italia
Tel +39 02 72000000
info@italychina.org

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.