Eventi

29/01/2016

Eventi fondazione

Presentazione Position Paper UE-Cina


Il Report delle imprese europee in Cina analizza lo stato delle riforme nel Paese e indica i passi da fare per riequilibrare l’economia.
È stato presentato oggi, nella sede di Assolombarda, lo European Business in China-Position Paper, la più importante pubblicazione annuale della Camera di Commercio Europea in Cina. Il documento, giunto alla 15esima edizione, offre ai policymakers cinesi dettagliate raccomandazioni, che arrivano direttamente dalle competenze e dalle esperienze dei quasi 1.800 membri della Camera di Commercio. Queste indicazioni sono state elaborate nel corso di un processo di consultazione durato sei mesi con 37 gruppi di avoro che coprono 27 settori industriali e 10 intersettoriali.
Il Position Paper 2015 chiede con fermezza alla dirigenza cinese di agire sulle promesse riforme del mercato per poter rinforzare l’economia nazionale e, nello stesso tempo, rinforzare la sua credibilità tra le imprese europee e internazionali. La leadership cinese – è l’indicazione che emerge dal documento – deve trovare in sé l’audacia del cambiamento e agire con urgenza per implementare politiche orientate al mercato, se il Paese vuole mantenere moderatamente alti i livelli di crescita economica.
"L’edizione di quest’anno racchiude circa 800 raccomandazioni e suggerimenti per le autorità cinesi ed anche per quelle europee – ha spiegato Sara Marchetta, vicepresidente della Camera di Commercio Europea in Cina –. In particolare quest'anno include anche una sorta di verifica riguardo alle riforme annunciate nel 2013 dalla nuova dirigenza cinese". A dispetto di una crescita del Pil del 7% nel primo semestre dell’anno, una grande quantità di indicatori rilevano preoccupanti problemi alla base, che necessitano urgente attenzione da parte dei governanti cinesi. Consapevole di queste grandi sfide economiche, il governo di Pechino ha più volte detto di puntare a rendere la seconda economia del mondo meno dipendente dalla spesa pubblica e legata a una crescita più organica. A due anni dalla promulgazione del documento del Terzo Plenum, noto come “La decisione”, che sottolinea come proprio le forze del mercato dovrebbero guidare i prossimi passi del suo sviluppo economico, la Cina sta attuando poche sostanziali riforme in questa direzione.
“La Repubblica Popolare Cinese sta entrando in una fase particolarmente delicata della propria storia recente, fase in cui – come la leadership politica ha ripetutamente affermato – la seconda economia mondiale dovrà sempre meno dipendere dal supporto centrale in favore di una crescita organica regolata dal mercato” ha dichiarato Margherita Barberis, Direttore Generale della Fondazione Italia Cina. 
Le indicazioni:
 Il Position Paper include un’analisi dell’implementazione delle riforme delineate dalla Decisione del Terzo Plenum, nel 2013; una lista di raccomandazioni alle autorità europee su cosa le aziende operative in Cina vorrebbero fosse incluso nell’ EU-China Comprehensive Agreement on Investment; una nuova “cassetta degli attrezzi”, contenente l’analisi delle imprese sulle necessarie riforme che il governo cinese deve intraprendere per riequilibrare la sua economia.
 Il Position Paper indica le aree su cui è necessaria un’immediata attenzione: l’accelerazione delle riforme finanziarie; una limitazione al ruolo dello Stato nell’economia del Paese; un’apertura dell’accesso al mercato per il settore privato, comprese le aziende straniere; un maggiore impegno nello stato di diritto; l’abolizione el Catalogo degli Investimenti Stranieri e allo stesso tempo un impegno a svelare alla nazione la Negative List per favorire un ambiente innovativo; fare leva sulle potenzialità di Internet per la crescita futura.

Allegato 1: CS Position Paper UE-CINA - 29 gennaio.pdf

In Fondazione

I Soci

Iscriviti alla Newsletter della
FONDAZIONE ITALIA CINA

Fondazione Italia Cina

Via Clerici, 5 - 20121 Milano - Italia
Tel +39 02 72000000
info@italychina.org

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.